I grandi Giardini d’Italia accolgono la musica: ecco quelli della Reggia sabauda di Venaria, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, oggetto di un importante recupero; nei Giardini si è voluto evocare e valorizzando l’impianto sei-settecentesco. Alla Scala la voce ci guida fra le consonanze franco-iberiche, e a Firenze un tutto-Brahms con un grande direttore.

Torino

Nei Giardini della Reggia di Venaria al via “Pianoforte per natura”, concerti di cinque giovani pianisti il 10-11-12-18-19 giugno, circondati dai dieci ettari di orti e frutteti del più grande Potager d’Italia. Questo ciclo fa parte di LaVenariaGREEN, il programma del 2021 della Venaria Reale interamente dedicato alle tematiche di natura, paesaggio, ambiente e sostenibilità, che propone un ampio e variegato programma di eventi e attività da vivere in quegli splendidi spazi. Apre il 10 la pianista Gloria Campaner con la quanto mai appropriata Sonata “al chiaro di luna” di Beethoven, seguita dall’integrale dei “Preludi” di Chopin.

Firenze

L’8-12-21 al Teatro del Maggio un ciclo di concerti dedicati a Johannes Brahms, con la direzione di Zubin Mehta e l’Orchestra del Teatro. Si ascolteranno tre Sinfonie, il Concerto per violino e orchestra (solista Pinchas Zukerman), quello per violino, violoncello e orchestra (solisti Zukerman e Amanda Forsythe) e – il 21 – particolare attenzione al solista nel Primo Concerto per pianoforte e orchestra, Daniil Trifonov.

Milano

Il 6 alla Scala recital della mezzosoprano Marianne Crebassa, pianista Alphonse Cemin. Il pubblico scaligero già la conosce, per averla ascoltata in opere di Händel, Mozart, Ravel, Rossini. Il programma che presenta è il racconto della lunga, reciproca seduzione tra Parigi e la Spagna. A Parigi studia Jesús Guridi, autore di testi e musica delle “Canciones castellanas” che aprono il concerto; e poi “Vivan los que rien!” da “La vida breve” di de Falla, lo sguardo francese sulla Spagna rappresentato dalla “Chanson espagnole” di Ravel e ancora dalla “Carmen” di Bizet. Completano il programma mélodies scelte fra i bei cicli delle “Chansons de Bilitis” di Debussy e “Les nuits d’été” di Berlioz.

Source link

By ninja

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *