The French Dispatch

Futura

Alla Quinzaine des Réalisateurs è stato invece presentato l’interessantissimo «Futura», un progetto realizzato da Pietro Marcello, Alice Rohrwacher e Francesco Munzi.

I tre registi hanno intrapreso un viaggio in Italia per chiedere ai giovani, prossimi ormai a entrare nel mondo del lavoro, quali siano le loro sensazioni, i turbamenti e le preoccupazioni per il futuro sempre più incerto che li attende. Tre degli autori più importanti del nostro cinema si sono uniti per dare vita a un lungometraggio che può ricordare Pier Paolo Pasolini e il suo «Comizi d’amore», grande indagine fatta negli anni Sessanta per interpellare gli italiani sul tema del sesso.Rispetto a Pasolini, i tre registi non si mostrano e il tema è diverso, ma viene ripresa la lezione del regista di «Accattone» e «Mamma Roma», così come quella di Comencini con «I bambini e noi», reportage sull’infanzia, oltre al “cinema didattico” di Rossellini.

In maniera piuttosto sorprendente, «Futura» non è un prodotto tripartito ma, anzi, è un unico disegno d’insieme in cui non si sente la differenza di sguardo tra un regista e l’altro. È come se i tre avessero lavorato cercando di offrire una panoramica univoca e il risultato è un documentario di forte valore sociologico, capace di far riflettere. Peccato che a lungo andare la pellicola soffra di una certa ridondanza, ma resta un prodotto significativo, che fa bene il suo dovere.

Bergman Island

Bergman Island

In lizza per la Palma d’oro, invece, «Bergman Island» di Mia Hansen-Løve.Protagonista una coppia di autori cinematografici in cerca di ispirazione per i loro prossimi film. Fiduciosi di trovarla in un posto speciale, la coppia si ritira per l’estate sull’isola tanto cara al grande regista del cinema svedese Ingmar Bergman. Giunti sull’isola di Fårö, i due cercano di abbozzare qualche idea immersi nella natura selvaggia del posto. Parte da premesse altissime e molto ambiziose il film della regista francese, autrice di titoli intensi come «Un amore di gioventù», «Eden» e «Le cose che verranno».L’idea è proprio quella di rendere un importante omaggio a un nome come Bergman, sia nella gestione della situazione coniugale (l’autore svedese, con film come «Scene da un matrimonio», è stato tra i massimi registi a trattare le dinamiche di coppia), sia in alcune riflessioni sul rapporto tra realtà e finzione.Gli spunti sono notevoli, anche in relazione all’immaginario metacinematografico messo in campo (che fa pensare anche a Woody Allen), ma rimangono spesso relegati più alla teoria che alla pratica. Manca quella forza creativa necessaria – nella parte centrale soprattutto – a dare vita a un prodotto originale e coinvolgente, nonostante le buone intenzioni e un’efficace struttura circolare, con un inizio e un finale degni di nota. Nel cast Tim Roth, Vicky Krieps e Mia Wasikowska.

Bergman Island

Source link

By ninja

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *