In questo ennesimo lungometraggio sulla fine del sogno americano non è facile trovare elementi originali e davvero degni di nota, fatta eccezione per una discreta rappresentazione dei personaggi, che finiscono per risultare credibili al punto giusto.Per il resto siamo di fronte a un lavoro ridondante e autocompiaciuto, che finisce per offrire ben poco allo spettatore.

Titane

Titane

Decisamente più anticonvenzionale è un altro titolo in concorso, «Titane», uno dei film più estremi visti quest’anno sulla Croisette.Opera seconda della regista francese Julia Ducournau, dopo il sorprendente «Raw» del 2016, «Titane» parla di una ballerina che, quando era piccola, è rimasta vittima di un terribile incidente automobilistico: è riuscita a sopravvivere solo grazie a una placca di titanio che i medici le hanno impiantato sul lato destro del cranio. Quell’operazione ha cambiato totalmente il suo modo di approcciarsi agli esseri umani e… alle macchine.

Titane

Film durissimo, controverso e pensato per dare un vero e proprio shock agli spettatori, «Titane» è una visione impegnativa, che alterna momenti di grande fascino ad altri passaggi totalmente fuori luogo, esagerati e a rischio di risultare involontariamente ridicoli.Nel percorso della protagonista, segnato da omicidi e da una gravidanza inaspettata, ci sono una serie di riferimenti al cinema del passato (a «Crash» di David Cronenberg, in primis) e al filone cyberpunk che possono incuriosire, ma anche risultare spesso pretestuosi.All’interno di una visione costellata di passaggi piuttosto deboli si inseriscono però alcune sequenze degne di nota, che mostrano il talento della regista transalpina, a partire dai diversi momenti di ballo che rappresentano il vero senso dell’operazione.

The story of my life

The Story of My Wife

Infine, sempre in competizione, è stato presentato anche «The Story of My Wife» della regista ungherese Ildikó Enyedi.Tratto dal romanzo omonimo di Milán Füst, il film racconta di un capitano di una nave mercantile che, per scommessa, chiederà di sposarlo alla prima donna che entra nel locale in cui si trova.Melodrammone d’altri tempi, «The Story of My Wife» è un film in cui il peso delle quasi tre ore di durata si sente eccessivamente: senza dubbio prolisso, il lungometraggio soffre soprattutto nella parte centrale, anche per una serie di sequenze decisamente di troppo.La confezione è discreta, così come il lavoro degli attori (Léa Seydoux, soprattutto), ma si fatica a riconoscere il tocco personale dell’autrice ungherese, che aveva conquistato l’Orso d’oro al Festival di Berlino del 2017 con «Corpo e anima».

Source link

By ninja

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *